ibrido suzuki bando contributi rottamazione ALL
Contributo rottamazione: l’ibrido ti fa risparmiare!
23 settembre 2017
0

Il bando 2017 per la rottamazione degli autoveicoli inquinanti, è un’iniziativa finalizzata a contrastare l’inquinamento atmosferico.

Il bando è rivolto ai privati cittadini per la concessione di un contributo da 2.000 a 3.500 euro a fronte della rottamazione di autoveicoli altamente inquinanti e contestuale acquisto di automezzi a basso impatto ambientale.
La scadenza per la consegna della domanda di contributo è il 15/10/2017.

Per verificare la classe emissiva della tua auto (euro 0, euro 1, etc) compara le diciture presenti nel libretto di circolazione dell’auto da rottamare con la tabella cliccando qui del bando o accedi al portale dell’automobilista ed inserisci il numero di targa qui.

Vediamo insieme nel dettaglio come funziona:

Cosa prevede il bando e chi sono i beneficiari?

Il bando concede l’erogazione di un contributo pari a 2.000 € per la rottamazione di veicoli inquinanti e il contestuale acquisto di un veicolo nuovo con doppia alimentazione (benzina/GPL o benzina/metano) ovvero 3.500 € per la rottamazione di veicoli inquinanti e il contestuale acquisto di un veicolo nuovo ibrido (benzina/elettrico) o elettrico.
Quali requisiti sono necessari per richiedere il contributo?
– il soggetto richiedente deve essere un privato residente in Veneto;
– il mezzo deve essere destinato ad uso privato e non per attività professionali o d’impresa;
– il soggetto privato che acquista il nuovo veicolo deve essere il medesimo intestatario del mezzo
rottamato, come risulta al P.R.A. (Pubblico Registro Automobilistico).
– il reddito imponibile del richiedente relativo all’anno 2016 non deve superare i 75.000 €:
il reddito imponibile è quello rilevabile al punto 1 del CU per i lavoratori dipendenti che non
hanno presentato la dichiarazione dei redditi nel 2017 (redditi relativi al 2016), ovvero, per chi
ha presentato la dichiarazione dei redditi, rilevabili al rigo 14 del modello 730-3, ovvero al rigo
RN4 del modello PF.
I soggetti che acquistano il nuovo veicolo non possono avvalersi del contratto di leasing.
I soggetti beneficiari non potranno alienare il veicolo nei tre anni successivi alla liquidazione del
contributo.

Quali caratteristiche deve avere il mezzo da rottamare?

Il veicolo da rottamare deve avere le seguenti caratteristiche:
– appartenere alla categoria “M1” ovvero “veicoli a motore progettati e costruiti per il trasporto di
persone, aventi al massimo otto posti a sedere oltre al sedile del conducente”.
Euro 0, Euro 1 se alimentato a benzina
Euro 0, 1, 2, 3 se alimentato a diesel

Sono rottamabili anche i veicoli aventi alimentazione doppia benzina/metano o benzina/gpl?

E’ ammissibile la rottamazione ai fini dell’ottenimento del contributo purché il veicolo sia stato omologato all’origine nella classe emissiva Euro 0 o Euro 1 benzina.

Per il veicolo da rottamare è previsto un limite di cilindrata?

Non è previsto un limite per la cilindrata del veicolo da rottamare.

Quando deve essere rottamato il veicolo?

La rottamazione deve avvenire nel periodo compreso dal 1 luglio 2017 al 31 marzo 2018.

Quando deve essere acquistato il nuovo veicolo?

L’acquisto del nuovo veicolo deve essere fatto a partire dalla data di pubblicazione del bando sul Bollettino Ufficiale della Regione Veneto ovvero dal 29 agosto 2017 ed entro il 31/12/2017.

Quali caratteristiche deve avere il mezzo da acquistare?

Il veicolo da acquistare deve essere di nuova immatricolazione ed avere le seguenti caratteristiche:
– appartenere alla categoria “M1” ovvero “veicoli a motore progettati e costruiti per il trasporto di persone, aventi al massimo otto posti a sedere oltre al sedile del conducente”, con alimentazione:
bifuel (benzina/GPL o benzina/metano) con cilindrata non superiore a 2.000 cc – classe
emissiva Euro 6;
ibrida (benzina/elettrica) con cilindrata non superiore a 2.000 cc – classe emissiva Euro 6;
veicoli elettrici.

E’ ammesso l’acquisto di veicoli c.d. “semestrali” o “km 0” o usati ma rientranti nelle caratteristiche tecniche previste dal bando?

E’ ammesso l’acquisto unicamente di veicoli di nuova immatricolazione.

Come deve essere presentata la domanda di contributo?

I soggetti privati possono presentare domanda utilizzando il modello allegato al bando scaricabile qui.
Alla dichiarazione redatta ai sensi del DPR 445/2000 riportata in calce al modello di domanda deve essere allegata copia di un valido documento di riconoscimento del richiedente.

Come deve avvenire l’invio della domanda?

L’istanza può essere inviata, unitamente alla fotocopia del documento di identità, con una delle seguenti modalità:
pec o mail al seguente indirizzo: ambiente@pec.regione.veneto.it, specificando nel campo “oggetto”: bando auto – Tutela Atmosfera, gli allegati (istanza compilata + documento di riconoscimento) dovranno essere obbligatoriamente in formato pdf;
raccomandata con avviso di ricevimento al seguente indirizzo postale: Regione Veneto – Direzione Ambiente – U.O. Tutela dell’Atmosfera – Dorsoduro 3494/a – 30123 Venezia;
consegna a mano al predetto indirizzo dal lunedì al venerdì tra le 10:00 e le 12:30
Le istanze verranno protocollate in stretto ordine di arrivo alla struttura regionale.

Entro quando deve avvenire la consegna delle domande?

Dalla pubblicazione del bando sul Bollettino Ufficiale del Veneto (BURV n. 84 del 29 agosto 2017) fino al 15 ottobre 2017: per le domande trasmesse a mezzo pec o mail non certificata (la cui trasmissione vada a buon fine) il giorno di spedizione coincide con il giorno di consegna, mentre per le domande trasmesse a mezzo raccomandata occorre considerare i tempi tecnici tra spedizione e consegna, farà fede la data riportata sull’avviso di ricevimento.

Quali domande sono irricevibili o inammissibili?

Sono irricevibili le istanze giunte dopo il termine ultimo per la loro presentazione o con modalità non previste dal punto 5 del bando. Attenzione: le domande devono pervenire alla struttura regionale entro il 15 ottobre 2017.
Sono invece inammissibili le domande che non rispettano i parametri richiesti con riguardo al soggetto richiedente e alle caratteristiche dei veicoli da rottamare, come descritti ai punti 2, 3 del bando.

Come verrà formata la graduatoria delle domande?

La graduatoria sarà determinata in base alla fascia di reddito e all’ordine cronologico di arrivo delle istanze ammissibili e fino ad esaurimento delle disponibilità finanziarie stanziate.
L’assegnazione del contributo seguirà quindi l’ordine di graduatoria, con possibilità di scorrimento della stessa, sarà approvata con atto del Direttore della Direzione Ambiente e pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Veneto oltre che nella pagina web dedicata al bando: www.regione.veneto.it/web/ambiente-e-territorio/rottamazione-autoveicoli-inquinanti-bando-2017.

A chi ci si può rivolgere per ulteriori chiarimenti?

E’ possibile scaricare bando e domanda qui.
Per ulteriori chiarimenti può contattarci allo 0425 474373 o inviaci una mail a info@serenautomobili.it, oppure contattare telefonicamente l’U.O. Tutela dell’Atmosfera ai numeri : 041-279 2354 e 041/279 2442 dalle 10.30 alle 12.00 dal lunedì al venerdì o via mail all’indirizzo atmosfera@regione.veneto.it.

Che auto Suzuki rientrano nelle categorie ammesse nel bando?

Suzuki offre una vasta gamma di modelli ibridi
Ignis, Swift e Baleno sono disponibili nelle versioni ibrida SHVS, e godono in Veneto (come in Emilia Romagna, Campania, Lazio, e nella Provincia autonoma di Bolzano) dell’esenzione dall’imposta di bollo auto per tre anni dalla data di immatricolazione e altri vantaggi come iniziative Provinciali e comunali, che garantiscono l’accesso libero nelle aree ZTL a traffico limitato (ad esempio a Milano, Torino, Mantova e Perugia) oppure la sosta gratuita nelle aree di parcheggio delimitate dalle “strisce blu” in numerosi Comuni italiani.

Per sapere di più sull’ibrio Suzuki leggi: “IL FUTURO DELL’AUTO E’ L’IBRIDO : SUZUKI HYBRID” e “Suzuki BALENO, l’ibrido che ti fa risparmiare anche sul bollo“.

Scopri le nostre auto ibride in pronta consegna Suzuki BALENOSuzuki IGNIS e nuova Suzuki SWIFT.

 

Lascia un commento